domingo, 27 de noviembre de 2022

CHINA: Against capitalistic and socialimperialist regime in China of Xi Ping the workers' struggle explodes and in Shangai students and youth with Mao poster

 

 from PCm Italy

pc 27 novembre - la protesta degli operai della Foxxcon contro il regime capitalista guidato da XI ping - massima informazione, sostegno contatti


other video
https://www.instagram.com/reel/ClV1rk2oXFz/?igshid=MDJmNzVkMjY=

pc 27 novembre - la protesta dei giovani a Shangai con Mao contro il regime capitalista di XI Ping


 
 why the workers struggle

La polizia ha caricato gli operai che producono iPhone che protestavano per i bassi salari e le condizioni di lavoro mentre i casi di Covid hanno raggiunto livelli record in Cina

Gli agenti prendono a calci e colpiscono il personale dello stabilimento Foxconn di Zhengzhou, con Apple che lamenta ritardi nella consegna di iPhone 14

La polizia in Cina ha picchiato gli operai che protestavano per le condizioni di lavoro e bassi salari nella più grande fabbrica di iPhone, mentre i casi di Covid-19 del paese hanno raggiunto un nuovo massimo giornaliero.
I video online hanno mostrato migliaia di persone con la mascherina di fronte a file di poliziotti in tute protettive bianche con scudi antisommossa di plastica. La polizia ha preso a calci e colpito un manifestante con dei bastoni dopo che questi aveva afferrato un palo di metallo che era stato usato per colpirlo. Le persone che hanno realizzato il filmato hanno affermato che è stato girato sul sito.


La protesta a Zhengzhou è durata fino a mercoledì mattina quando migliaia di operai si sono radunati fuori dai dormitori e hanno affrontato gli addetti alla sicurezza della fabbrica, secondo Li. Altri video mostravano manifestanti che usavano degli estintori contro la polizia.
Foxconn, il più grande assemblatore a contratto di smartphone e altri dispositivi elettronici, sta lottando per riuscire ad evadere gli ordini per l’iPhone 14 dopo che migliaia di dipendenti hanno lasciato la fabbrica nella città centrale di Zhengzhou il mese scorso dopo le lamentele sulle condizioni di lavoro non sicure.
Secondo un dipendente, Li Sanshan, le proteste sono iniziate martedì dopo che gli operai che avevano percorso lunghe distanze per accettare un lavoro in fabbrica si sono lamentati del fatto che l’azienda ha cambiato i termini della loro retribuzione.
Li ha detto di aver lasciato un lavoro di catering quando ha visto un annuncio che prometteva 25.000 yuan ($ 3.500) per due mesi di lavoro. Che sarebbe significativamente al di sopra della retribuzione media per questo tipo di lavoro nella zona. Ma dopo che i dipendenti sono arrivati, la società ha detto loro che avrebbero dovuto lavorare altri due mesi con una paga inferiore per ricevere i 25.000 yuan, secondo quanto sostiene Li.
“Foxconn ha pubblicizzato offerte di salario molto allettanti e molti operai sono arrivati da tutte le parti del paese, solo per scoprire che venivano presi in giro”, ha continuato Li.
Foxconn ha dichiarato giovedì che un “errore tecnico” è stato responsabile della confusione sulla retribuzione e si è scusata.
Un uomo che si è identificato come il segretario del partito comunista responsabile dei servizi alla comunità è stato mostrato in un video, pubblicato sulla piattaforma di social media Sina Weibo, esortare i manifestanti a ritirarsi. Ha assicurato loro che le loro richieste sarebbero state soddisfatte.
Le proteste arrivano in mezzo a una forte frustrazione per le restrizioni Covid nelle aree della Cina che hanno chiuso negozi e uffici e confinato milioni di persone nelle loro case.
Giovedì la Cina ha riportato il numero più alto di nuovi casi di Covid, con 31.444 nuove infezioni.
Sebbene il numero di casi e decessi sia relativamente basso rispetto agli altri Paesi, il Partito comunista cinese rimane impegnato nella sua strategia “zero-Covid” che mira a isolare ogni caso ed eliminare completamente il virus.
Mercoledì, il governo ha ordinato un blocco effettivo di diversi distretti di Zhengzhou, con i residenti del centro città non autorizzati ad andarsene a meno che non abbiano un test Covid negativo e il permesso delle autorità. Le restrizioni, che dureranno cinque giorni dalla mezzanotte di venerdì, interessano più di sei milioni di persone, circa la metà della popolazione della città.
Il governo sta cercando di contenere l’ultima ondata di focolai senza chiudere le fabbriche e il resto della sua economia come ha fatto all’inizio del 2020. Le sue tattiche includono la “gestione a circuito chiuso” in base alla quale gli operai vivono nelle loro fabbriche senza alcun contatto esterno.
Lo status della Cina come potenza di esportazione si basa su fabbriche come quella di Foxconn che assemblano l’elettronica di consumo mondiale, i giocattoli e altri beni.
Apple ha avvertito che le consegne di iPhone 14 sarebbero state ritardate dopo che l’accesso a una zona industriale intorno alla fabbrica di Zhengzhou – che secondo Foxconn impiega 200.000 operai – è stato sospeso a causa di epidemie.
La società non ha risposto immediatamente a una richiesta di commento sulle ultime proteste.

4 comentarios:

Loam dijo...

La población de China se estima en 1,412 millones de personas. En la foto que acompaña este artículo apenas hay 50 y no parecen precisamente trabajadores, sino jóvenes aburguesados. El hecho de que muestren un retrato de Mao no quiere decir que sean realmente comunistas ni maoistas. Podemos y debemos ser críticos con el Partido Comunista de China y con su política, pero no podemos permitirnos caer en las numerosas trampas que la CIA está desplegando por todo el sur de Asia. Los comunistas somos capaces de llevar la autocrítica hasta dolorosos extremos, no tenemos miedo a hacerlo, la autocrítica es un deber. Pero debemos estar vigilantes con con ciertas "noticias" difundidas por la prensa capitalista, aliada a las agencias de inteligencia imperialistas, debemos contrastar minuciosamente la información y asegurarnos de cuales son sus fuentes antes de propagarlas.

Salud y comunismo.

Loam dijo...

ENTREVISTA A JENNY CHAN: “Cuando los trabajadores de IPhone no aguantan más, estallan las protestas y las huelgas”. Josefina L. Martínez.

https://observatoriodetrabajadores.wordpress.com/2022/11/28/entrevista-a-jenny-chan-cuando-los-trabajadores-de-iphone-no-aguantan-mas-estallan-las-protestas-y-las-huelgas-josefina-l-martinez/

Loam dijo...

"Due to ideological differences, it has become almost an instinct of Western countries and media to criticize communist governments with an aim to subvert the latter with color revolutions, Shen Yi, a professor at Fudan University, told the Global Times. Shen added that in the major power game, the objective facts on differences between China and the West, when it comes to handling the virus, have driven the West into a state of anxiety. They are thus eager to capture, exaggerate and point fingers at all negative issues they could find in China's epidemic control procedures.

This is like how Washington fans the flames in the Russia-Ukraine conflict. Some forces in the US and other Western countries can't accept that China has the capacity to adjust its policy in a more flexible way and contain the virus, observers noted.

Let the data speak for itself. As of press time, China's total COVID-19 death toll is a little more than 5,200. But in the US, 1.09 million people's lives have been claimed by the virus. British scholar John Ross recently made a comparison. He pointed out that China's population is 4.3 times that of the US. In order to see what would be the impact of the US COVID-19 policy in China, one should multiply US statistics by 4.3. It means if China had the same death rate as that of the US, 4.7 million Chinese people would be dead, said Ross.

In other words, it is Chinese policy that saved many people, as well as their families.

Every step on the way of China's epidemic prevention and control is explored by China itself. And Chinese people have seen that China's approach has protected people well over the past two years. This is enough for Chinese people to cast a cold eye on arrogant Western remarks. The nature of Western media outlets is political tools, and this has long been unveiled. Their target of judging China is setting stumbling blocks on the country's development path.

China's COVID-19 response measures are never static, but are under constant adjustments for the better due to the changing situation. In the process, China's priority is about how to manage its own things well, rather than how others judge it. Whatever policies China adopts on coping with the virus are based on three criteria: science, China's interests, and whether Chinese people are protected."

http://www.informationclearinghouse.info/57369.htm

Julio Fernando Delgado Wong dijo...

China se prepara para la ola mortal de covid después de flexibilizar los controles... si ocurre un millón de muertos o como dicen otros medios de 1,500,000 tal vez habria pánico y nuevas paralizaciones totales lo cual bajaría el precio del petróleo, pero subirían los bienes manufacturados chinos, pues serian muy escasos, o no habrían , sin ser muy imaginativo el covid omicron mutante debe tener un R0 de 200.